La verità sul lavoro a uncinetto… Ti fa bene!

Come lavorare all’uncinetto può migliorare il tuo umore, la tua mente e il tuo corpo

Il lavoro all’uncinetto è terapeutico? Assolutamente sì. È un fatto scientifico provato, proprio come sappiamo che il cioccolato e il vino rosso ci fanno bene. Da quando ho deciso di utilizzare il mio tempo libero per lavorare all’uncinetto vedo dei benefici nella mia quotidianità. Parlando con voi mi avete detto che l’uncinetto è un toccasana, fa bene alla mente e ai malesseri in generale. Sono completamente d’accordo, non credo che possa curare tutti i mali e malattie, ma può certamente migliorare la propria salute mentale. So perlomeno che aiuta la mia.

È davvero di grande beneficio per la nostra mente lavorare su qualcosa in cui devi concentrarti. Stai seguendo qualcosa e stai seguendo uno schema, è un esercizio mentale.

Il lavoro all’uncinetto è stato definito il “nuovo yoga” per una buona ragione. Famoso per le sue qualità rilassanti e meditative, il lavoro a uncinetto viene sempre più utilizzato negli ospedali, nelle cliniche, nelle scuole e persino nelle carceri per aiutare le persone a condurre una vita più sana e più felice.

Volete sapere la cosa divertente? Airship Printing, un’azienda di serigrafia in Colorado, ha creato una linea di articoli con il marchio Knerd Shop che include una maglietta, una borsa e adesivi con la scritta , “Lavoro a maglia per non uccidere le persone”. Sebbene il motto sia divertente, porta con sé una grande verità: le uncinettine attribuiscono tutti i tipi di benefici al loro mestiere che includono tutto, dall’alleviare la depressione, l’ansia e il dolore alla riduzione della noia e degli effetti dell’isolamento.


Usalo o perdilo

Comunemente si pensa che i giochi di problem solving come i cruciverba e il sudoku possono aiutare a mantenere il cervello attivo nel tempo. Ma che dire di filo e uncinetto?

Yonas Geda, professore associato di Neurologia e Psichiatria presso la Mayo Clinic in Arizona, ha pubblicato uno studio nel 2011 mostrando come le persone che hanno impegnato la loro mente leggendo libri, giocando o creando avevano un rischio ridotto di lieve deterioramento cognitivo, un possibile precursore del morbo di Alzheimer e di altre forme di demenza.

Lo studio ha esaminato 1.321 adulti, di età compresa tra 70 e 89 anni, 197 dei quali erano già stati identificati come affetti da un lieve deterioramento cognitivo. Sia i gruppi normali che quelli con problemi cognitivi sono stati intervistati sulle loro attività nell’ultimo anno.

Lo studio ha dimostrato che usare il cervello potrebbe impedire di perderlo. È buffo da dire, ma i dati hanno dimostrato che l’uso del computer, i giochi, la creazione di oggetti con le proprie mani, la lettura di libri e il guardare meno la TV hanno comportato una notevole riduzione dal 30 al 50% delle probabilità di avere un lieve deterioramento cognitivo.

Sebbene lo studio non abbia esaminato esattamente come queste attività potrebbero proteggere il cervello, l’attività cognitiva potrebbe promuovere lo sviluppo di nuovi percorsi neuronali o riserve cognitive. In altre parole, rimanere mentalmente attivi attraverso il lavoro a uncinetto e la lettura, ecc. fa “depositi” nella “banca” del cervello di un individuo; questo può eventualmente tamponare il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza.

 

Perché lavorare all’uncinetto?

Ci sono molte teorie sul perché lavorare all’uncinetto faccia bene al cervello.

Rilassamento

Una volta che una uncinettina ha imparato i movimenti, il processo è ritmico e ripetitivo. Secondo il Benson-Henry Institute for Mind-Body Medicine del Massachusetts General Hospital, i movimenti ripetitivi del lavoro a uncinetto possono teoricamente suscitare la famosa risposta di rilassamento, che è il contrappeso del corpo allo stress, uno stato in cui la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diminuiscono, la respirazione rallenta e i livelli di ormoni dello stress diminuiscono.

 

Affrontare situazioni stressanti

“Lo uso nella mia vita come un modo per calmarmi”, spiega Perri Klass, professore di giornalismo e pediatria alla New York University, un medico che scrive regolarmente per il New York Times. “Sono più felice e più calmo in molte situazioni stressanti quando lavoro a uncinetto, che sia seduto su un aereo in ritardo sulla pista o seduto al capezzale di un familiare in un ospedale o in uno studio medico”.

La psichiatra Teresa Anderson raccomanda il lavoro a maglia e all’uncinetto ai pazienti che soffrono di disturbo da stress post-traumatico, ansia e depressione maggiore. Lei stessa lavora a maglia e all’uncinetto. “Le persone raccomandano la meditazione, il che è carino in teoria, ma alcune persone sono così agitate che non riescono a stare ferme abbastanza a lungo per meditare”, dice. “Il lavoro a uncinetto è ciò che considero una meditazione attiva, qualcosa che puoi fare e su cui concentrarti, ma ha una qualità ripetitiva”.

 

Mantenere la mente attiva e impegnata

Lavorare a uncinetto implica anche seguire e riconoscere schemi, imparare nuovi punti e usare sia le mani che la matematica, conferendogli la capacità di migliorare le abilità fino motorie, mantenendo anche la mente attiva e impegnata. Le scuole Waldorf, ad esempio, insegnano ai bambini a lavorare a uncinetto prima di insegnare loro a leggere nella convinzione che lavorare a maglia sviluppi destrezza, concentrazione e logica rudimentale.

 

Socialità

Anche l’aspetto sociale del lavoro a uncinetto gioca sui benefici mentali positivi del lavoro a uncinetto. Per le persone a cui piace lavorare a uncinetto in gruppo, questo fornisce uno sbocco sociale, un elemento fondamentale per mantenere la salute mentale. E consente l’espressione di sé, la socialità e quel senso di sentirsi produttivi.

“Quando siamo nelle prime fasi del lavoro a uncinetto e scegliamo il filato e la progettazione, è un’esperienza completamente diversa. C’è qualcosa nel processo creativo. Il cuore si apre e ti porta in un altro posto. È come ti senti dopo aver scalato una montagna.” afferma Susan MacLaughlin, che ha aperto il blog Knit One Health Too

 

Miglioramento delle skills di problem solving

Nel 2010, Corkhill, in collaborazione con un docente di terapia occupazionale dell’Università di Cardiff, ha condotto un sondaggio online sulla comunità di Stitchlinks.com. Nel sondaggio, hanno chiesto alle persone perché hanno cucito e sugli effetti percepiti del lavoro a uncinetto su umore, sentimenti, pensiero, attività sociale e abilità. Entro due settimane, hanno ricevuto l’incredibile cifra di 3.545 risposte.

Lo studio, che è stato pubblicato nel numero di febbraio 2013 del British Journal of Occupational Therapy, ha rivelato che la maggior parte dei rispondenti ha riportato una relazione significativa tra la frequenza del lavoro a uncinetto e il sentirsi calmi e felici. Gli intervistati, che lavorano a uncinetto più spesso, hanno affermato che lavorare a uncinetto ha influito positivamente sul loro funzionamento cognitivo, aiutandoli a risolvere i problemi o a pensare più facilmente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto